LA PESCA A STRISCIO IN MARE - LA TECNICA DALLE MILLE EMOZIONI (Da RCPESCA MAGAZINE di Luglio)

Andare in basso

LA PESCA A STRISCIO IN MARE - LA TECNICA DALLE MILLE EMOZIONI (Da RCPESCA MAGAZINE di Luglio)

Messaggio  simone88 il Mar Ago 09, 2011 3:06 pm

La pesca a striscio, o pesca con la bombarda, è una tecnica che viene utilizzata prevalentemente nei laghi, ma se utilizzata in mare può regalare mille emozioni. La pesca a striscio in mare può essere a volte paragonata alla più utilizzata tecnica dello spinning per la sua azione di lancio e recupero. L’unica differenza è che non viene utilizzata un’esca artificiale, bensì un’esca viva, preferibilmente Koreano, Bigattino, Bibi, Napoletano, Americano, tocchi di Sarda, in determinati casi anche pezzi di Aguglia. E’ una tecnica che si può praticare sia a fondo, che in superficie o a mezz’acqua, ovviamente tutto dipende dal tipo di preda che vogliamo insidiare.
Le prede preferite da questa tecnica sono Aguglie, Saraghi, Mormore, Leccia Stella, Spigole e chi più ne ha più ne metta. Può essere effettuata ogni giorno, in ogni stagione, tranne che con mare mosso, e regala molte emozioni soprattutto nelle ore notturne. Per questo tipo di pesca abbiamo bisogno di un’attrezzatura molto leggera, sensibile ma robusta, in grado da poter affrontare prede che superano anche il chilo di peso, una canna ad azione di punta o parabolica che non superi i 4 – 5 mt, in grado di lanciare anche ad elevate distanze dalla riva. Il mulinello dev’essere proporzionato alla canna, delle misure di 1000, fino ad un massimo di 3000, una lenza madre dello 0,16, massimo 0,20 ed un terminale che va dallo 0,12 allo 0,20. Un’amo che va dall’ 8 al 12 andrà benissimo, pur che sia preferibilmente a gambo lungo e resistente. Ma veniamo alla “guest star” di questa tecnica, ovvero lo striscio: il peso della nostra bombarda dipenderà prevalentemente dal tipo di preda che abbiamo intenzione di insidiare. Se vogliamo pescare a fondo, e riuscire ad agganciare prede come mormore o leccia stella, abbiamo bisogno di un peso che va dai 25 ad un massimo di 30 gr. La mormora è un tipo di pesce che ama nutrirsi nei fondi sabbiosi, difficilmente sale in superficie, forse qualche volta nel periodo estivo, e se riuscite ad insidiarla in zone molto rocciose vuol dire che siete davvero molto fortunati. Per la cattura dei Saraghi avremo bisogno di un’attrezzatura medio-pesante, o se preferite, medio-leggera. I Saraghi si possono trovare sia in zone rocciose, che sabbiose. E’ un pesce che è attirato molto dal movimento, ma che arriva difficilmente fino alla superficie, soprattutto d’inverno, periodo in cui fa entra ed esci dalla propria tana, tuttavia, non è affatto difficile trovarlo nei bassi fondali. Nel periodo estivo arriva in superficie una preda che tutti gli amanti della pesca a striscio vorrebbero all’interno del loro secchio, l’Aguglia, un pesce che per essere catturato ha bisogno di un’attrezzatura molto leggera, 10 gr andranno più che bene, con un amo che va dal 12 al 14. E’ un tipo di pesce che nuota sempre in branchi numerosi in una distanza medio-lontana dalla riva. Nel periodo invernale tende ad inabbissarsi, ma all’arrivo della bella stagione, in presenza di mare molto calmo, sale in superficie con tutto il branco, provocando un movimento ondulatorio inconfondibile, tipico di questo esemplare, che come già citato in precedenza, prediletto dagli amanti di questa splendida tecnica.



avatar
simone88

Messaggi : 67
Data d'iscrizione : 17.06.10

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum