TUTTO SULLA PESCA ALL'INTERNO DEI LAGHI!

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

TUTTO SULLA PESCA ALL'INTERNO DEI LAGHI!

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Lun Giu 07, 2010 11:58 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

Il laghetto è una "invenzione" piuttosto recente: nasce, infatti, nel secondo dopoguerra.
Nelle acque furono immessi dei pesci, trote in particolare. L’azione della natura fece quindi il suo corso: le rive di questi invasi artificiali si ricoprirono di vegetazione e molti persero l'aspetto di "fosso" che avevano in origine. Oggi sono molti i laghetti di questo tipo in cui migliaia di pescatori dilettanti trovano la possibilità, dietro pagamento di una modesta somma, di esercitare la propria passione.
Senza dubbio, la pesca alla trota ha un'ampia diffusione nei sempre più numerosi laghetti-cava, ma anche piccoli laghi naturali nei quali si può praticare con successo la pesca a striscio. La trota, preda principale della pesca a striscio, può trovarsi a qualunque profondità, a seconda soprattutto della stagione. Ne consegue perciò che diverse dovranno essere le tecniche da adottare e ciascuna di loro richiede appropriate attrezzature. Questa è una cosa che ben sanno i garisti, i quali si circondano di numerosi attrezzi tra cui scegliere quello giusto.

Pesca a striscio

Secondo gli agonisti, per pescare le trote in cava non c'è altra possibilità se non lo striscio. I neofiti e i dilettanti ricorrono invece anche a metodi più tradizionali come la canna fissa con galleggiantino, la canna da lancio con grossi galleggianti scorrevoli e la pesca a fondo con finale a bandiera. C'è poi anche chi si dedica allo spinning oppure alla pesca a mosca. Ma nulla è tanto consigliabile, nulla è tanto adatto per catturare la trota che vive nelle acque dei laghetti-cava quanto la pesca a striscio. Lo striscio è uno dei sistemi più sportivi e gratificanti. In un certo senso può essere paragonato, per emozioni e dinamismo, alla pesca in torrente poiché, sin dalla prima tocca, pone a diretto contatto con l'eventuale cattura. E’ anche molto simile alla tecnica dello spinning, pur sostituendo le esche artificiali metalliche con quelle naturali che devono stimolare il pesce roteando proprio come se fossero cucchiaini. Pescare a striscio significa trasmettere all’esca un movimento continuo, facendole compiere tutte le evoluzioni che simulano i comportamenti istintivi di una preda che, aggredita, tenti la fuga. Si deve anche sapere imitare le difficoltà motorie di un pesce ferito che alterna movimenti confusi a soste improvvise. Molte sono le imprecisioni diffuse a proposito di questa interessante tecnica di pesca. Per esempio, molti credono che lo striscio sia un semplice alternarsi di lanci e recuperi della lenza.
Ciò non è assolutamente vero: nello striscio tra il lancio e il recupero c'è l'importante fase in cui si deve mirare a eccitare l'istinto aggressivo della trota facendo muovere e ruotare l'esca. Un buon pescatore a striscio è quello, dunque, che non si limita a lanciare e recuperare, ma che ha molta fantasia e, soprattutto, è in grado di concentrarsi a fondo per sapere sempre cosa sta facendo. Sono tanti anche coloro che considerano lo striscio come un metodo di pesca fatto esclusivamente in aderenza al fondo. Anche questo è falso, poiché si pesca a striscio in superficie, a mezz'acqua e sul fondo.
La trota deve essere cercata in tutta l'estensione di uno specchio d'acqua perché il suo istinto, a seconda dei momenti, la può portare negli immediati sottosponda o la fa sostare in zone site a distanze impossibili da raggiungere.
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: TUTTO SULLA PESCA ALL'INTERNO DEI LAGHI!

Messaggio  Muzic il Lun Lug 12, 2010 7:17 pm

Bello questo post Gino... Lo striscio a trote, se fatto bene, da tanta soddisfazione... e poi sono dei pesci intelligentissimi, sinonimo di purezza.
Non capiterà mai di vederne un esemplare in acque che non siano pulite al 100%! E poi i vari tipi e gli ibridi possiedono delle livree a dir poco stupende.

Per quanto riguarda l'uso della bombarda in sè e per sè richiede molta attenzione, come si dice alla fine dell'articolo e, almeno all'inizio non è facile capire
a che altezza si stia pescando. Poi con il passare del tempo è come se si riuscisse a percepire dalle vibrazioni (che arrivano tramite la lenza alla nostra canna) il posizionamento dello striscio, tutti gli ostacoli e le buche sul fondale, la presenza di alghe... è come se lo vedessimo muoversi immergendoci sott'acqua.

Per quanto riguarda la profondità di pesca è molto utile la tecnica della conta dei secondi subito dopo il lancio. E' consigliabile, subito dopo il primo lancio,
contare quanti secondi impiega la bombarda ad arrivare sul fondo, per poi regolarsi di conseguenza sull'altezza di pesca che si vuole raggiungere.

Se la trota viene pescata in estate ricordiamo che la maggior parte delle volte la si troverà sul fondo, dove la temperatura dell'acqua è più bassa, ma non è difficile vedere il cimino che si abbassa violentemente già durante la fase di calata della bombarda!
avatar
Muzic
postatore lv 2
postatore lv 2

Messaggi : 40
Data d'iscrizione : 12.07.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum