EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Andare in basso

EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 2:55 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 2:58 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 3:00 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 3:02 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 3:04 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 3:06 pm

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Sab Ago 14, 2010 3:09 pm

Animali marini pericolosi per la balneazione
Gli animali marini potenzialmente pericolosi per l'uomo sono moltissimi. Nei nostri mari il loro numero è piuttosto ridotto ed è bene che ogni bagnante li conosca. Escludiamo al momento gli squali che, sebbene possano essere estremamente pericolosi, interessano più i subacquei che i bagnanti che solitamente non si allontanano dalla riva. Gli animali pericolosi appartengono a gruppi estremamente diversi.
I pesci in grado di provocare ferite pericolose o tossiche sono i Myliobatoidei (Dasyatidi e Hobulidi), le tracine (o pesci ragno), l' Uranoscopus (pesce prete) e la Murena. Per i Myliobatoidei parleremo dei Trigoni che nei nostri mari appartengono a tre specie (Dasyatis pastinaca, D. centroura, D. violacea).

Dasyatis violacea
Dasyatis centroura
Dasyatis pastinaca
Sono pesci cartilaginei di fondo simili a razze che possono raggiungere notevoli dimensioni (fino a tre metri).La loro pericolosità è dovuta alla presenza di un aculeo posto alla base della coda. Quando l'animale viene infastidito, erigendo la coda, può conficcare l'aculeo nella vittima inoculando il veleno. L'aculeo seghettato generalmente colpisce la gamba provocando una ferita lacero-contusa e può spezzarsi nelle carni della vittima. I sintomi consistono in gonfiore e dolore localizzati che aumentano di intensità e possono durare 12-48 ore. Possono essere avvertiti estrema debolezza, senso d'angoscia e nausea, possono verificarsi vomito, diarrea e collasso per vasodilatazione. La regione attorno al punto colpito si scolora e può andare in necrosi. Pare che il principio tossico sia una cardiotossina, probabilmente di natura proteica poichè è termolabile, quindi oltre alla normale disinfezione ed eventuale sutura della ferita si suggerisce di immergere la zona colpita in acqua calda o di applicare impacchi caldi.

Trachinus araneus I fondali sabbiosi ospitano anche le tracine, più comuni dei trigoni e nelle nostre spiagge sono frequenti' le persone colpite dai cosidetti pesci ragno. Le specie delle nostre acque sono quattro (Trachinus vipera, T. araneus, T. radiatus, T. draco). Le tracine sono molto diffuse nell'Adriatico, le loro dimensioni possono raggiungere i 40-50 cm. di lunghezza, ma sono più comuni gli esemplari di 20-25 cm.. Trachinus vipera è la specie più piccola (fino a 10-14 cm.), ma sembra avere gli effetti più intensi.
I bagnanti vengono colpiti, generalmente camminando a piedi scalzi a pochi metri calla battigia, calpestando inavvertitamente le piccole tracine nascoste nella sabbia, ma sono noti casi di subacquei che dopo aver molestato una tracina sono stati aggrediti. Le spine velenifere si trovano sull'opercolo e nella spina dorsale anteriore. Il dolore provocato è immediatamente molto intenso e localizzato, ma tende ad irradiare dopo l0-15', raggiunge il massimo dopo 50', ma può durare da 16 a 24 ore. La tossina sembra provocare abbassamenti pressori e alterazioni del ritmo cardiaco. Anche in questo caso si suggerisce di immergere la parte colpita in acqua a 45 gradi centigradi o nella sabbia calda per 30-90' fino ad alleviare il dolore. È indispensabile pulire la ferita anche da eventuali frammenti di spine e disinfettarla. È pure consigliabile la profilassi antitetanica. Non c'è accordo sull'opportunità di effettuare un bendaggio occlusivo a monte della ferita per rallentare la diffusione del veleno, in ogni caso andrebbe posto il più vicino possibile alla lesione e dovrebbe bloccare esclusivamente la circolazione venosa e linfatica. La presenza di circolazione arteriosa va verificata distalmente alla ferita accertando le pulsazioni. Comunque è indispensabile ripristinare la normale circolazione sanguigna per un paio di minuti ogni dieci.
Trachinus draco

Scorfano Un altro pesce che vive affondato nella sabbia è 1'Uranoscopus scaber (pesce prete o pesce lanterna o bocca in cao), possiede delle spine velenose opercolari, gli effetti sono meno intensi di quelli prodotti dalla tracina, ma il trattamento è analogo. L'Uranoscopus è in grado di dare leggere scariche elettriche. Lo scorfano è tipico dei fondali rocciosi, il suo incontro con il bagnante non è frequente. Gli scorfani dei nostri mari appartengono al genere Scorpena (S. porcus, S. scrofa, S.notata), si mimetizzano molto efficacemente sul fondo. I più colpiti sono i pescatori che li maneggiano per slamarli o toglierli dalla rete. A differenza della tracina lo scorfano non attacca l'uomo ed il contatto con le sue pinne munite di spine velenifere è sempre accidentale. Il trattamento della puntura è quello già descritto.
Sulle scogliere vive anche la murena,è piuttosto pericolosa più per la sua aggressività che per la sua tossicità. Si è molto sentito parlare del suo presunto morso velenoso, in realtà non ha nè specifiche ghiandole per secernere il veleno, nè denti adatti per inocularlo. Come in tutti gli Anguilliformi (grongo, anguilla etc.) è invece il sangue ad essere tossico. La tossina che contiene è termolabile e con la cottura perde il suo effetto, non è noto se sia contenuto anche nella saliva. Tuttavia la pericolosità del morso della murena sta nei denti aguzzi e ricurvi e nel tipo di ferita che possono provocare. Le complicanze vengono evitate con la disinfezione accurata della ferita e con la profilassi antitetanica.
Murena

Anemoni Animali che periodicamente allarmano la stampa quando, seguendo cicli biologici pluriennali a noi poco noti, invadono massicciamente le nostre acque, sono i Celenterati. Checchè ne dicano i giornalisti, iCelenterati come le mucillagini, dipendono poco dall'eutrofizzazione, ma indubbiamente di problemi alla balneazione ne creano parecchi.
I Celenterati comprendono forme polipoidi sessili (attinie, anemoni, coralli, madrepore etc,) e forme medusoidi libere; entrarobe sono caratterizzate dal possedere particolari corpuscoli microscopici chiamati nematocisti. Questi consistono in un sottile tubo avvolto all'interno di una capsula. Quando l'animale viene stimolato la capsula si rivolta a mò di guanto e il tubo si estroflette penetrando nella vittima.
Le forane sessili vivono soprattutto attaccate a substrati duri e interessano quindi i subacquei o i bagnanti che tra gli scogli cercano ai pescare lattili o catturare granchi.

Meduse
Le meduse sono natanti e per la loro trasparenza non vengono notate dai bagnanti che facilmente vengono colpiti. Le specie che frequentano le nostre spiaggie non sono considerate letali per l'uomo, ma è sempre da tener presente il rischio di sensibilizzazioni e di risposte anafilattiche che proprio studiando i Celenterati furono ossrvate per la prima volta ( da RICHET nel 1913). Soggetti ripetutamente colpiti o che presentano vaste aree urticate, andrebbero comunque indirizzate al pronto soccorso. È da considerare comportamento incosciente quello di tuffarsi dalla barca al largo, in acque infestate da meduse, senza prima guardare. Entrare in un fitto banco di meduse può essere, oltre che spiacevole, gravemente pericoloso. Inoltre al largo è possibile incontrare la Physalia (caravella portoghese) che possiede filamenti lunghi qualche metro e può essere letale per l'uomo.
I principi tossici isolati da questi animali sono parecchi, alcuni sono di natura proteica, variano da specie a specie. Il contatto con attinie ed anemoni è in genere più localizzato e provoca effetti meno intensi. In ogni caso è bene lavare la parte colpita con acqua di mare, l'uso di acqua dolce stimolerebbe le nematocisti ancora cariche presenti sulla cute. L'asportazione di frammenti di tentacoli dovrebbe essere fatta con oggetti smussati. A questo scopo è utile cospargere la parte coperta con grossi frammenti con talco, farina o sabbia come agente essicante per poter coalizzare i tentacoli. Anche l'alcool è efficace come fissatore-stabilizzante contro la liberazione delle nematocisti. Ricordiamo che ciò che è venuto in contatto con i tentacoli può secondariamente urticare, soprattutto i subacquei devono evitare di toccarsi il viso e le labbra con i guanti usati per pescare i mitili. È utile l'applicazione di acido acetico (aceto) o alcool isopropilico 40-70 gradi per almeno 30 minuti. Efficaci possono essere anche 1' ammoniaca o il bicarbonato di sodio e ovviamente le pomate antistaminiche.
È opportuno spendere qualche parola sui Bivalvi. È notorio il rischio di contrarre agenti patogeni veicolati dai mitili che per questo devono provenire da allevamenti idonei dal punto di vista batteriologico ed essere opportunamente stabulati. Sono molti quelli convinti di poter risolvere il problema con una veloce cottura, ma oltre al rischio di contrarre il tifo e l'epatite, c'è sempre quello di intossicazione.
Alcune specie di Dinoflagellati che fanno parte del plancton, sono protagoniste di improvvise ed intense fioriture comunemente chiamate "maree rosse" per la colorazione che possono dare al mare quando lo popolano a concentrazioni elevatissime. Questi microorganismi producono alcune tossine (brevetossina, saxitossina) che provocano tra i pesci gravi morie, i bivalvi filtrandoli concentrano la tossina alla quale sono immuni, diventando essi stessi tossici. I principi tossici sono neurotossine, non sono termolabili e pur essendo in gran parte identificati molecolarmente, non sono ancora stati trovati rimedi efficaci. La gravità dei sintomi dipende dalla quantità di tossina ingerita. Da arrossamenti cutanei e disturbi gastroenterici si può passare a disturbi nervosi quali perdita di sensibilità, paralisi, difficoltà respiratoria fino al soffocamento. In questo caso bisogna tentare la respirazione artificiale anche se ciò risulterà probabilmente insufficiente.
Sull'origine delle maree rosse si sta tuttora discutendo, potrebbe essere implicata anche 1'eutrofizzazione, ma si sono verificati di questi episodi anche in periodi antichi e in acque di aree non antropizzate. Quando si verificano vengono sempre vietate la pesca e la balneazione.
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 56
Località : Reggio Calabria

Vedi il profilo dell'utente http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Tornare in alto Andare in basso

Re: EMERGENZA ,,,,,ATTENTI A QUESTE SPECIE,,,

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum