COME USARE LA FRIZIONE DEL MULINELLO

Andare in basso

COME USARE LA FRIZIONE DEL MULINELLO

Messaggio  GinoSpigolaAdmin il Mar Ago 17, 2010 8:52 am

Affronto adesso un discorso che per molti è ormai cosa risaputa ma per altri può essere un tabù in quanto nessuno spiega ai neofiti come comportarsi quando in canna si trovano un pesce che non è la solita trota d'allevamento ma magari una carpa di qualche kilo.
In genere si commettono tre errori di base ai quali si sommano tutte le varianti che ne conseguono ma adesso cercherò di prendere in considerazione solo le basi,che sono:
1) frizione completamente chiusa
2) frizione troppo aperta
3) recupero del pesce con frizione in movimento
Iniziamo dall'errore 1,
la frizione come sappiamo serve a cedere filo con una certa resistenza in modo da sfiancare il pesce allamato e portarlo a guadino,se noi serriamo la frizione questa non cede filo e prima o poi il terminale (in genere) si spezza e noi diamo fondo a tutte le nostre imprecazioni contro tutti i Santi del Paradiso ma la colpa è solo nostra,quindi bisogna regolarla a dovere,in seguito spiegherò come fare.
Errore 2
Questo è il classico caso del principante che usando la frizione aperta in modo esagerato ha la vana sensazione di aver preso un pesce enorme quando magari è solo in un laghetto a pagamento e si trova di fronte trote da tre etti che non hanno forza alcuna e quindi ricorre a questo espediente per avere gratificazione e mantenere il contatto col pesce più a lungo,questo è un'errore peggiore ancora del primo perchè nel caso vada a pesca in lago, fiume o mare dove i pesci sono veri allora può succedere di fare una guaio enorme in quanto (prendiamo il caso della carpa) abbocca e scappa succedono le seguenti cose:
non si auto allama e svuota mezza bobina prima che il pescatore prenda la canna in mano,quando poi si và a ferrare si fà cilecca perchè la frizione cede filo e quando diamo il colpo non facciamo altro che creare un'uscita di filo a velocità elevata creando una parrucca inestricabile vanificando ogni speranza in quanto abbiamo messo fuori uso il mulinello.
Errore 3:
Mi è capitato di vedere e per la verità di fare (non si nasce esperti ma si diventa a suon di errori) il seguente sbaglio:
allamato una carpa con la bolognese questa inizia a correre come una disperata ed io per inesperienza ho continuato a recuperare seppur la frizione faceva il suo dovere a meraviglia,cantava come un soprano alla fine dei conti la carpa l'ho presa ma il mulinello era inutilizzabile in quanto il filo che conteneva era un groviglio unico in quanto vedendolo così avvolto era perfetto ma al primo lancio si formavano delle spire schifose che non permettevano nemmeno un lancio di due metri,soluzione????Cambiare tutto il filo.
Per evitare questo fastidio e spesa consecutiva bisogna lasciare spazio al pesce di sfogarsi e poi quando cede un pò la presa recuperare fino a quando non prende ulteriore filo.....allora non si recupera e via avanti così fino a guadino.
Resta inteso che non bisogna MAI abbassare la canna per paura che si spezzi ma tenerla sempre alta.
Come regolare la frizione:
per fare un lavoro di fino ci vogliono due persone ed un dinamometro (bilancia pesa pesci) e si procede così:uno tiene la canna come se pescasse e l'altro aggancia l'amo col terminale e comunica all'altro di mettre in trazione il tutto leggendo sulla bilancia che peso risulta,fate in modo che la frizione ceda filo a due terzi della portata del terminale in modo da avere una riserva di potenza e non cedere filo quando ormai è quasi spezzato.
Se per ipotesi usiamo un filo che porta 9 kili noi dobbiamo tarare la frizione quando sulla bilancia segna 6 kili così abbiamo la frizione tarata alla perfezione e non avremo problemi di nessun genere.
Quando tenere la frizione serrata:
che io conosca ci sono tre tecniche che prevedono di tenere la frizione serrata e sono:
la pesca al grongo dagli scogli,
la pesca all'anguilla,
la pesca in buca.
In queste occasioni dobbiamo forzare il recupero di pesci che hanno la caratteristica di intanarsi velocemente o di aggrapparsi a qualsiasi asperità o supporto che trovano sul fondo per cui è bene non lesinare sul diametro dei fili e recuperare il più veloce possibile tenedo la canna bene in alto e sfruttando la canna stessa per recuperare prede di peso in quanto se si usano mulinelli a bobina fissa può capitare che il pesce sia così grosso da non far girare il mulinello allora si agisce con la tecnica del pompaggio che spesso vediamo fare nei recuperi di tonni,spada e pesca d'altura in genere
avatar
GinoSpigolaAdmin
Admin
Admin

Messaggi : 2855
Data d'iscrizione : 04.06.10
Età : 57
Località : Reggio Calabria

Visualizza il profilo http://reggiocalabriapesca.forumattivo.com

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum