DESCRIZIONE SPECIE D'ACQUA DOLCE PARTE 6

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

DESCRIZIONE SPECIE D'ACQUA DOLCE PARTE 6

Messaggio  bigattino 92 il Mer Ott 06, 2010 3:01 pm

oggi vi descrivero' un pesce che fino a poco tempo fa' non era comune dei nostri fiumi e che e' giunto a noi dall'Est ovvero la BREME.





[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]








DESCRIZIONE - Corpo fortemente gibboso, lateralmente molto compresso, la cui forma e dimensione variano leggermente a seconda delle regioni.
Le squame sono di medie dimensioni.
Il capo è piccolo con il diametro dell'occhio compreso da 1 volta e 1/2 ad 1 volta ed 1/4 nella lunghezza dei muso.
La bocca è piccola e protrattile, situata in posizione subterminale, lievemente rivolta verso l'alto, priva di barbigli, con labbra grosse e mascella superiore sporgente.
L'Abramide comune possiede una sola serie di denti faringei disposti su ciascun lato.
Linea laterale leggermente incurvata verso l'alto nella porzione anteriore.
La pinna dorsale ha origine di poco posteriore all'inserzione delle pinne ventrali.
La pinna caudale è forcuta, con il lobo inferiore più sviluppato del superiore.
La pinna è corta, a margine concavo e con la porzione anteriore più sviluppata della posteriore, la base è lunga più del doppio della base della pinna dorsale.
Il colore del dorso è grigio-piombo variabile fino a nerastro con toni verdastri.
I fianchi sono più chiari del dorso, con riflessi dorati (negli esemplari vecchi) o argentati (nei giovani).
Il ventre è sempre più chiaro e talvolta bianco-argentato.
Le pinne possono essere grigiastre o nerastre (in alcuni casi con riflessi azzurri).
Durante il periodo della frega la base delle pinne ventrali e di quella anale assume tonalità rossastre.
L'Abramide è molto simile alla Blicca dalla quale si distingue per la taglia maggiore, per le pinne omocrome (mai rossastre), per l'occhio più piccolo (inferiore alla fenditura boccale) e per la posizione dell'occhio rispetto alla fenditura boccale.
La lunghezza massima giunge a 70 cm circa, corrispondente ad un peso approssimativo di 6 kg. ma ne sono stati catturati esemplari anche più grossi.

HABITAT ED ABITUDINI- L'Abramide predilige la zona di fondo dei laghi e canali e le acque a lento corso dei grandi fiumi, soprattutto nel corso inferiore, con profondità non eccessive, meglio se con fondo argilloso o fangoso. Preferisce vegetazione abbondante.
La specie caratterizza con la sua presenza il tratto inferiore dei fiumi, perciò è stata appunto coniata l'espressione "zona dell'abramide".
Gli esemplari vecchi si trattengono, durante il giorno, soprattutto sui fondali più puliti mentre di notte si spostano verso la zona del litorale, dove abitualmente vivono i giovani.
Nel periodo di frega si riuniscono in grandi sciami; negli altri periodi dell'anno vivono in piccoli gruppi.
In inverno le abramidi si riuniscono in branchi, costituiti anche da migliaia di individui, che rimangono quasi esclusivamente nei settori ove l'acqua è più profonda.

ALIMENTAZIONE - Si ciba principalmente di larve di insetti (soprattutto chironomidi), anellidi, crostacei e piccoli molluschi.

RIPRODUZIONE - La maturità sessuale è raggiunta a 3-5 anni d'età.
La riproduzione avviene da maggio a giugno, in acque basse e tra la vegetazione: i maschi sono territoriali e accompagnano la deposizione delle uova con una frenetica attività.
Le uova, da 91 mila a 338 mila per femmina, vengono deposte nell'arco di 3-4 notti, aderiscono alla vegetazione e schiudono in 3-12 giorni a seconda della temperatura (che deve essere però sempre superiore ai 12 °C).
Gli avannotti, lunghi 4 mm, rimangono fissati alle piante sino all'assorbimento del sacco vitellino, poi si radunano presso le rive ove si nutrono di plancton (dal Don e dal Volga i giovani scendono - già in luglio - nel Mare d'Azov e, rispettivamente, nel Caspio).
Sono conosciuti ibridi con la blicca e con il rutilo.

VALORE ECONOMICO - L'importanza economica della specie è rilevante soprattutto nell'Europa settentrionale e centrale.
Le sue carni variamente giudicate; in particolare quelle di esemplari superiori a 1 kg sono considerate buone e saporite in alcune regioni dell'est Europa, ove le si paragona alla carpa, mentre le uova sono da scartare.
Nelle regioni tedesche e svedesi del Baltico, nel 1931 ne furono catturate quasi 900 t, nell'ex U.R.S.S., nel 1939, 100.000 t.

DISTRIBUZIONE- Recentemente introdotta, con acclimatazione, in acque dolci dell'Italia centro settentrionale.
avatar
bigattino 92
postatore lv 3
postatore lv 3

Messaggi : 249
Data d'iscrizione : 09.06.10
Età : 25
Località : san roberto

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum