TREMOLINA

Andare in basso

TREMOLINA

Messaggio  Zoro86 il Mar Giu 22, 2010 8:33 am

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

E' un anellide marino, molto fragile, il cui corpo è composto da una collana di segmenti circolari. Presenta una colorazione rosso mattone con delle sfumature olivastre lungo la linea centrale del corpo, e la sua lunghezza tipica raggiunge al massimo i 10–12 cm. La sua caratteristica è quella di muoversi freneticamente, in particolare dopo che è stata innescata.

Ottime zone di raccolta sono quelle attorno alle foci del Po, ove la pianura padana forma ampie aree paludose e lagunari nel cui terreno fangoso e sabbioso le tremoline trovano condizioni ottimali per installarvi la propria dimora. E' possibile recuperarla scavando buche non molto profonde ed utilizzando una pala per raccogliere materiale fangoso da setacciare. E’ opportuno visionare le zone di scavo in condizioni di bassa marea, alla ricerca di quelle che presentano tanti piccoli fori che costituiscono le gallerie scavate dalla Tremolina. Inoltre è da tener presente che questi vermi vivono in colonie costituite da elementi tutti della stessa lunghezza, per cui se sceglieremo bene le zone di scavo, ci basterà effettuare solo qualche bella buca per raccoglierne in quantità sufficiente. Tenere infine presente che le Tremoline spezzate muoiono dopo poco tempo, per cui vanno estratte con molta cautela.

Le Tremoline estratte dal terreno vanno riposte con cura in un contenitore di cartone o di legno assieme a del fango del loro stesso habitat e a delle alghe inumidite con acqua di mare che serviranno per il loro nutrimento. Le scatole così preparate vanno avvolte in uno straccio umido e conservate in un luogo fresco oppure in frigorifero ad una temperatura media di 10°. In queste condizioni, se integre e ben inumidite, potranno conservarsi anche per più di una settimana.

Può essere impiegata in tutte le tecniche di pesca dalla costa sia nella pesca a fondo che in quella a galleggiante, ed anche nel bolentino costiero, risultando molto efficace per insidiare cefali, passere pianuzze, zatterini, ghiozzi, e tutte le specie di labridi e sparidi. Purtroppo, essendo un verme molto fragile, non è possibile utilizzarlo in quelle tecniche, quali ad esempio il Surf Casting, in cui si effettuano lanci lunghi e violenti, e nel bolentino su fondali molto alti.

Il suo innesco deve essere sempre effettuato a partire dalla testa in modo da lasciare la coda libera di muoversi liberamente. Per insidiare pesci di grossa taglia vengono innescati più esemplari a grappolo, mentre può essere usata a pezzi per pesci di piccola taglia. Un valido espediente da attuare al momento di adoperarle consiste nel toglierle dal loro fango e metterle in una vaschetta di plastica contenente una manciata di sabbia o di segatura, così facendo non si perderà del tempo prezioso ogni volta a cercarle, per cui l'innesco e tutta l'azione di pesca risulterà velocizzata e più pulita.
avatar
Zoro86
miglior postatore
miglior postatore

Messaggi : 1271
Data d'iscrizione : 09.06.10
Età : 32
Località : Reggio Calabria

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: TREMOLINA

Messaggio  Apollo il Ven Giu 25, 2010 10:42 am

esca molto gradita i cefali..
avatar
Apollo
postatore lv 3
postatore lv 3

Messaggi : 86
Data d'iscrizione : 10.06.10
Età : 44

Visualizza il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum